In che direzione è orientata la casa: Nyx ti offre qualche suggerimento

L’estate è finalmente arrivata e questo si percepisce tanto all’esterno quanto all’interno delle case. Le abitazioni saranno più o meno calde e avranno più o meno luce in base alla loro esposizione. La luce naturale è una valida alternativa per illuminare gli interni ed è molto importante non solo in relazione alla quantità, ma anche alla qualità.

La progettazione degli edifici dovrebbe, quindi, cercare di ottimizzare l’esposizione per consentire l’ingresso della luce naturale. Le facciate dovrebbero essere progettate per sfruttare al meglio la luce naturale, senza trascurare l’illuminazione dei piani di lavoro resa possibile proprio dalla luce solare. E bisognerebbe controllare il calore generato dalla luce del sole durante l’estate.

Perché l’ingresso della luce dalle finestre è molto positivo, ma non deve trasformare l’abitazione in un forno: bisogna posizionare sistemi che proteggano dalle radiazioni dirette a seconda di come è orientata la casa.

Se la casa è esposta a nord

In questo caso l’abitazione non riceve radiazioni solari dirette. E’ l’esposizione più fresca. Il sole non riscalda l’involucro esterno (le pareti) e non causa l’effetto serra nelle finestre, quindi non è necessaria alcuna misura di protezione in estate. Se tutta la casa è orientata a nord, l’abitazione sarà molto piacevole in estate.

Se la casa è orientata a est

Se il sole illumina le stanze al mattino, la casa verrà riscaldata da raggi più deboli. Serviranno comunque delle tende da sole, anche se non sono indispensabili. Le finestre possono essere aperte poiché l’aria è più fresca. Se buona parte delle stanze è orientata verso est, piccole protezioni saranno sufficienti per avere stanze fresche.

Se la casa è orientata a sud

Si tratta dell’esposizione più luminosa. Se la casa guarda a sud, sono necessarie misure protettive, ben progettate.

Leggi tutto

Manutenzione tende da sole: 8 regole da seguire da Nyx Tende

Se vuoi che le tue tende da sole durino più di una stagione, segui i nostri consigli e non te ne pentirai!

1. Vento, pioggia, neve sono nemici della tua tenda: ovviamente, una tenda da sole serve, appunto, quando c’è il sole e va ritirata prontamente quando piove, c’è neve o forte vento. Oltre al pericolo di rovinare le tende se lasciate aperte durante queste condizioni, c’è anche quello di creare incidenti e danni a cose e persone.

2. Mai avvolgere le tue tende da sole quando sono bagnate: umidità e polvere sono la causa numero uno della formazione della muffa sulle tue tende! Quando raccogli il telo devi assicurarti che sia perfettamente asciutto e mai umido altrimenti sarà attaccato da parassiti e microrganismi più facilmente. Se la pioggia ti sorprende e ti costringe a chiudere il telo ancora bagnato, aprilo e fallo asciugare appena puoi.

3. Controlla sempre le tue tende da sole: quando inizia la stagione estiva e, quindi, ricominci ad usare le tue tende da sole, controlla sempre che tutto funzioni nel modo giusto. Dai un’occhiata alle condizioni del telo e della struttura portante e ingrassa le parti mobili.

4. Niente prodotti chimici: il tessuto delle tende da sole viene laccato in PVC per renderle più belle, resistenti, protette e funzionali. Se per pulirle decidi di usare solventi chimici o antimuffa, potresti intaccare questa lacca e, quindi, rovinare la tua tenda. I prodotti chimici macchieranno senza soluzione il tessuto delle tue tende, se vuoi lavarle usa solo saponi neutri e delicati e fa prima una prova su una piccola parte del telo.

5. Lava le tue tende nel modo corretto: il segreto per lavare bene le tue tende è quello di farlo a telo asciutto. Da bagnato, infatti, non si farebbe altro che spargere in giro lo sporco. Per un lavaggio profondo si consiglia di spolverare per bene il telo e poi fare una o due passate di semplice acqua tiepida e sapone neutro con una spugna molto delicata. Dimentica il vapore, spazzole rotanti o strumenti abrasivi, le idropulitrici possono essere usate solo se a bassa pressione. Ogni due o tre anni, è bene affidarsi ad un lavaggio professionale.

6. Spolverale appena puoi: la polvere, soprattutto se si abita in città, si deposita facilmente sulla tua tenda e, quando piove, l’acqua la trasforma quasi in cemento, macchiando per sempre la tela. Una buona abitudine è quella di spolverare quotidianamente la tenda, semplicemente dandole uno scossone con la scopa, ovviamente con delicatezza, durante le solite faccende domestiche.

7. Occhio agli insetti e alle foglie: quando è ora di chiudere le tende da sole, assicurati che non stai avvolgendo anche foglie e insetti poiché, se schiacciati e lasciati a lungo nel telo, o anche solo per qualche ora, possono creare una macchia indelebile.

8. Assicurati che il telo sia ben teso: quando il telo viene montato, assicurati che sia ben teso per evitare problemi con l’apertura e la chiusura, che a lungo andare rovineranno la tenda, e per evitare la formazione di pozze d’acqua in caso di pioggia che potrebbero deformare il telo.

Sostituire le tende dal rullo con il Fai da te? I consigli di Nyx Tende

Le tende a rullo, che da sempre sono considerate molto pratiche ed economiche, prendono il loro nome dal supporto tondo sul quale si avvolgono. Vengono scelte fondamentalmente per la loro pulizia estetica e per l’impatto visivo molto moderno.

Svolgono sicuramente un ruolo da protagoniste, nei colori più vistosi, sgargianti, eleganti e di classe, nelle tinte più calde e sobrie, e trovano oggi un largo impiego nella scelta dell’arredamento di interni. Uno dei lati positivi di queste tende è rappresentato dalla possibilità di sostituire il tessuto, in maniera tale da poterlo rendere sempre adatto all’arredamento circostante e ai gusti della persona. A tale proposito, nei passaggi successivi di questa guida ci occuperemo di illustrarvi come sostituire il tessuto di una tenda a rullo, proprio per riuscire ad adattarla al meglio alle vostre esigenze di design.

Occorrente

  • Tela di ricambio
  • Spilli
  • Forbici
  • Striscia adesiva
  • Indurente spray
  • Ferro da Stiro

L’utilità di queste tende la trovate nella sue caratteristiche fondamentali, infatti, grazie alla presenza di guide laterali presenti sul serramento e alla possibilità di utilizzare tinte scure, possono assicurare nell’ambiente un buio totale, favorendo, per esempio, la visione della Tv senza che la vista si affatichi troppo. Per il vostro riposino pomeridiano, inoltre, abbatte ogni possibilità di far passare i fastidiosi raggi solari e, infine, ma non per questo ultimo, ha un impatto visivo davvero accattivante. Bene, volete sostituire la tela e adattarla alle vostre necessità? Non vi resta che continuare nella lettura dei passi seguenti.

La prima cosa che dovete fare consiste nel togliere la tenda dal supporto, quindi sfilate il vecchio tessuto, cercando di non rovinarlo e di non tagliarlo. Scegliete un buon piano di lavoro e disponete la stoffa con il rovescio rivolto verso di voi. A questo punto sovrapponetelo al nuovo tessuto (è buona regola lavare la nuova stoffa prima di iniziare, in maniera tale da evitare problemi con le misure a causa del possibile restringimento; ovviamente dopo che sarà asciutta stiratela), e andate a prendere con precisione chirurgica le misure di ingombro. Lasciate su ogni lato, sinistro e destro, almeno 3 cm per poter così ricavare un orlo di 1 cm, prima di procedere con il taglio, piegatelo e fate una prova. Ritagliate con cura il quadrato di stoffa, ricordando che sul margine superiore e inferiore dovete lasciare una quantità di stoffa (circa 20 cm) necessaria per ricavare una tasca per l’asta della tenda e l’inserimento del rullo. Anche per questo taglio, fate una prova di ripiegatura e infilaggio prima di utilizzare le forbici.

Prima di fissare il nuovo tessuto al rullo, in un luogo ben ventilato, spruzzate lo spray indurente sul rovescio, seguendo le istruzioni fornite direttamente dalla casa di produzione: quando avrà fatto presa e sarà sufficientemente duro, andate ad applicare sui due lati le strisce adesive, quindi passate il ferro da stiro. Ripiegate ora entrambi i bordi in modo tale da ottenere l’orlo, quindi fissate la stoffa ripassando il ferro da stiro caldo. Passate adesso ai margini inferiore e superiore della stoffa: anche in questo caso dovrete fare un orlo come per i margini laterali. Nel lato superiore, invece, dovete creare la piegatura nella quale inserirete poi il rullo che permetterà alla tenda di avvolgersi; ripiegate il margine di 10 centimetri fissandolo con degli spillini lungo tutto il tracciato, quindi verificate che sia perfettamente parallela al bordo. Controllate che la tasca superiore sia dimensionata per il tipo di rullo scelto, se le dimensioni sono perfette per contenerlo, infine chiudete la tasca con la striscia adesiva e il ferro da stiro.

Se avete dimestichezza con la macchina da cucire, potete ovviare all’utilizzo della striscia adesiva con dei punti a “zig-zag” dati a macchina. A questo punto inserite l’asta nel margine inferiore, il rullo nel margine superiore e fissatela al serramento. A questo punto il lavoro è finalmente concluso e non vi resta altro da fare che godervi le vostre nuove tende. Queste tende a rullo risultano essere particolarmente adatte sia per le vostre abitazioni che per gli uffici, e sono in grado di donare un fresco e moderno stile capace di valorizzare qualsiasi tipo di arredamento.

Tende a rullo: i consigli di Nyx per scegliere la più adatta al Vostro ambiente

Scegliere le tende per la propria casa è un’operazione che richiede massima attenzione ma soprattutto, grande conoscenza del valore aggiunto che queste potranno dare al proprio ambiente casalingo. È importante quindi, saper scegliere il miglior accorgimento che apporti un miglioramento all’estetica della casa ma soprattutto, funzionalità per quanto riguarda l’utilizzo quotidiano. Scopriamo insieme quali sono le caratteristiche le tende dovranno avere, concentrandoci anche sugli aspetti più importanti delle tende a rullo.

Le tende: caratteristiche fondamentali

Anche se ancora oggi si ritiene che la tenda sia da considerare solo come un mero accessorio casalingo di cui si potrebbe fare benissimo a meno, è bene sapere che queste, oltre a maggiorare il valore estetico del proprio ambiente casalingo, trasformandolo, possono diventare utili anche per conseguire un risparmio energetico. Vediamo come.

Come scegliere la migliore tenda da interno per la propria casa

In primo luogo, quando si sceglie una tenda, bisogna sapere prima di tutto che tipo di superficie questa andrà a coprire e quanta luce solare si vuole per quell’ambiente. È importante considerare che in una stanza dove si desidera un buon livello di privacy, bisognerà scegliere delle tende che non facciano intravedere ciò che accade all’interno. Per questo si andrà a stabilire quanta luce dovrà passare e prendere una decisione circa la necessità di questi accessori o meglio, complementi d’arredo. Si andrà quindi a valutare se andranno acquistate in tessuto pesante, oppure sarà più giusto optare per delle tende tecniche, oscuranti e filtranti, come le tende a rullo.
È importante sapere che anche la stagione e i suoi cambi, servono a valutare la tenda giusta per la propria casa. Una tenda perfetta dovrà essere in grado di conservare il calore che passa dai vetri durante l’inverno ma, durante l’estate dovrà permettere il passaggio d’aria. Per questo è possibile valutare tende pesanti per l’inverno e leggere per i mesi più caldi. Oppure, qualora una finestra sia eccessivamente esposta al sole, tende poco trasparenti di tessuto leggero per l’inverno e qualcosa che sia di colorato e fresco per l’estate.
Come abbiamo accennato, le tende permettono delle migliorie in fatto di isolamento termico dell’abitazione. Queste riducono il surriscaldamento degli ambienti e quindi, non vi è eccessiva necessità di doverli raffreddare con condizionatori d’aria o altri rimedi artificiali. In questo caso sarà possibile anche apportare un risparmio sulla bolletta elettrica, facendo una scelta ecologica e riducendo così, anche le emissioni di gas Co2.

Tende a rullo: caratteristiche e vantaggi

Vi sono anche alcuni tipi particolari di tende che, se posizionate internamente ad un certo edificio, possono anche apportare un risparmio in termini energetici. È possibile infatti, che le tende a rullo, ad esempio, se installate secondo particolari canoni, rispettando anche i criteri previsti dalla legge per l’oscuramento, sono soggetti a detrazione fiscale del 50%. Vediamo perché scegliere le tende a rullo.
Le tende a rullo hanno delle caratteristiche oscuranti particolari e possiedono un avvolgimento verticale su rullo automatico o verticale. Questo tipo di schermatura nasce come protezione esterna contro i raggi solari intensi che, durante la stagione estiva, possono creare surriscaldamento negli ambienti casalinghi.
Poiché si tratta di un meccanismo comodo di apertura e chiusura, è stato possibile anche richiedere la progettazione di tende per interni che abbiano lo stesso sistema. Le tende a rullo, come possiamo vedere,hanno la versatilità come loro caratteristica principale. Il rullo potrà essere poso sia a soffitto che a parete e si può azionare il meccanismo con diversi supporti a scelta del cliente. Avremo la molla, il motore, la maniglia o una cordicella.
Tutte le tende di questo tipo presentano una lamella in alluminio. Questa viene inserita alla base del tendaggio per permettere l’estensione al massimo ma soprattutto la tensione del tessuto dall’alto verso il basso. Inoltre, grazie a questo accorgimento le operazioni di avvolgimento sono rapide e senza intoppi.
Le tende a rullo sono dei complementi d’arredo in grado di dare una grande personalità all’ambiente, assolvendo ad una pratica funzione riguardante l’oscuramento della luce solare che proviene dall’esterno e che potrà essere intensa.

Modelli di tende a rullo

Per scegliere la tenda a rullo più adatta alle proprie esigenze è importante sapere che queste si adattano ad ambienti che posseggano determinate caratteristiche: vi dovranno essere punti luce molto grandi, come finestre, vetrate, balconi. Solo così potranno esprimere al meglio tutta la loro bellezza derivante dalla semplicità.
Le tende a rullo potranno essere realizzate con tessuti leggeri, in grado di filtrare i raggi ultravioletti anche quando queste sono chiuse. Si consigliano colori tenui, chiari. Mentre, se si scelgono tessuti pesanti, la caratteristica oscurante sarà predominante.
Vi sono anche diverse tipologie di tende, che seguono il principio del rullo, ma possono essere diverse nell’estetica. Abbiamo ad esempio, le tende a doppio rullo di tessuto resistente. Il doppio rullo serve per l’avvolgimento e viene montata direttamente sull’infisso, evitando così, fastidiosi buchi sulla parete. Tutte le tende a rullo sono curate al meglio nei dettagli. Hanno una meccanica robusta che garantisce una durata prolungata nel corso del tempo, i tessuti sono innovativi ma soprattutto resistenti, assolvono alla funzione oscurante e sono in grado di garantire eleganza all’ambiente dove vengono montate.

Vi sono anche tende manuali che utilizzano la tecnologia a rullo. Oltre a quelle automatizzate, queste sono tradizionali e i meccanismi sono il bastone, la cordicella o la catena. Pur essendo più semplici da utilizzare, bisogna maneggiarli in modo accurato poiché se questi si rompono, la tenda si blocca.
Le tende automatizzate invece, sfruttano, per l’apertura e la chiusura, un motore. Sarà dato in dotazione alla tenda un telecomando che potrà permettere l’azionamento di tutte le tende o di una soltanto. Utilizzando gli ultimi ritrovati della tecnologia, sarà possibile gestire le tende anche da un’app.